Ultime novità giuridiche

Ultime novità giuridiche

Diritto civileDiritto di famigliaDiritto societario e commercialeDiritto fallimentareDiritto del lavoroDiritto penaleTasse e fiscoRecupero creditiCondominioRisarcimento danniCodice della stradaResponsabilità medica

RESPONSABILITA’ MEDICA: RITARDO DIAGNOSTICO E RISARCIMENTO DANNI

Responsabilità medica | 

Maggio 2019

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 10424/19, si è pronunciata sul diritto al risarcimento dei danni in caso di colpevoli ritardi nella diagnosi di patologie.

Leggi

DIRITTO DEL LAVORO: INSTALLAZIONE IMPIANTI AUDIOVISIVI E SILENZIO ASSENSO

Diritto del lavoro | 

Maggio 2019

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha escluso che l’istituto del silenzio-assenso si possa applicare in caso di richiesta di autorizzazione all’installazione ed utilizzo degli impianti audiovisivi.

Leggi

MANTENIMENTO AL FIGLIO: DOVUTO AL CONIUGE ANCHE SE QUESTI VI RINUNCIA

Diritto di famiglia | Diritto civile | Diritti personalissimi | 

Maggio 2019

La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 32529/18, ha affermato che l’eventuale rinuncia del figlio al mantenimento non può in nessun caso spiegare effetto sulla posizione giuridico - soggettiva del genitore affidatario.

Leggi

CODICE DELLA STRADA: MULTA ANNULLATA PERCHE’ MANCA L’AUTORIZZAZIONE DEL PREFETTO

Codice della strada | 

Maggio 2019

Dubbi sono sorti circa la regolarità di tutti i box di metallo o plastica sparsi nei Comuni e usati solo occasionalmente per fare contravvenzioni.

Leggi

DIVORZIO: LA SUPREMA CORTE SUL CALCOLO DELL’ASSEGNO DIVORZILE

Diritto di famiglia | Diritto civile | 

Maggio 2019

La Corte di Cassazione, con il recente provvedimento n. 11178/19, è tornata a pronunciarsi, dopo la storica pronuncia n. 18278/18, in materia di divorzio, in particolare sui criteri per la il calcolo dell’assegno divorzile.

Leggi

WEB: reato in caso di utilizzo di immagine altrui sul proprio profilo

Febbraio 2018

Chi utilizza l’immagine altrui sul proprio profilo facebook potrebbe commettere reato. È quanto ha stabilito la quinta sezione penale della Corte di Cassazione che ha confermato a una trentenne di Pordenone la pena patteggiata di 15 giorni di reclusione,

Leggi